lunedì 14 dicembre 2009

Mostaccioli duri come sassi

Non comprate questi orrori! Proposti in quasi tutte le bancarelle, supermercati e negozi di souvenir gastronomici calabri si chiamano mostaccioli. Dovrebbero essere dolci di origine devozionale a forma augurale, con miele e succo d'arancia.
Non so come mai, ma in qualunque posto in Calabria tu li compri, credendo di acquistare dei biscotti 'masticabili', ti porti via qualcosa di così duro, ma così duro da rasentare l'assurdo. Non si spezzano nemmeno. Più che da mangiare sono 'utili' come freesbe o come decorazione natalizia. Ma non mi sono sbagliata io, sull'etichetta era scritto biscotti commestibili, non decorazioni a forma di biscotto. Naturalmente prima di lanciarmi a pensare ad una bidonata collettiva, ho verificato se non fossi io ad avere beccato una bidonata individuale e mi sono recata in altri negozi. Ho cercato le confezioni e ho toccato i mostaccioli. Identici ai miei.
Ancora non ho capito come si fa a vendere questa roba da gettare direttamente nel cestino.

22 commenti:

  1. Allora io mi chiedo come fanno in Piemonte nei ristoranti ad offrire la bagnacauda, per me è da buttare ma a sentire i locali è una leccornìa...
    Ogni luogo ha i suoi sapori.

    RispondiElimina
  2. Al il punto non è se piacciono o no i mostaccioli, ma perchè erano venduti pur non essendo commestibili.

    RispondiElimina
  3. Forse ti sarà capitato un venditore disonesto e non eran buoni, ma ti assicuro che sono commestibilissimi. Mai provato i roccocò Napoletani? Alcuni li fanno anche morbidi, ma l'originale è durissimo e...buonissimo.

    RispondiElimina
  4. Ah| Dimenticavo,sono dolci antichissimi, forse addirittura dell'antica Grecia...

    RispondiElimina
  5. Continui a non leggere bene, non era un venditore, ma ho verificato in altri 5/6 posti ed era così, e quindi non è un caso.

    RispondiElimina
  6. Anonimo ha detto...Non sono tutti dei sassi, cara signora. Dipende molto da chi li fa e in quale regione sono fatti. INfatti il dolcetto è di origina spagnola (sorpresa, sorpresa). Conosciuto in tutto l'ex regno di Napoli. Nel corso di 4 secoli ha subito, letteralmente, tutte le varianti e bizzarrie locali. Anche io li trovati duri e/o morbidi. Prima di comprarli chieda di assaggiarli. Se sono duri, glielo dica chiaro al venditore, magari imparera a farli. Si, perché non dovrebbero mai essere immangiabili al punto da compromettere i denti. Auguri!

    RispondiElimina
  7. come dai primi commenti ci sono gusti e gusti.. mia madre non riesce nemmeno a spezzarli (come dici tu) io che sono sgranocchiatrice incallita li adoro, anzi, quando ne ho occasione ne acquisto due o tre belli grandi in modo da avere un pò di scorta.. non sono nè disgustosi, tantomeno immangiabili. sono solo gusti.
    tanto più che sono finita qua sopra cercando la ricetta per riprodurli a casa.

    RispondiElimina
  8. Forse hai una motosega al posto dei denti...io non sono riuscita a romperli neanche con mazzetta e scalpello...

    RispondiElimina
  9. veramente ho dei normalissimi denti, come tutti gli esseri umani salvo casi di protesi varie! sono solo gusti.. a me piace sgranocchiare.. ed evidentemente non solo a me visto che come hai detto hai comprato più volte questi biscotti per verificare che non fossi stata sfortunata la prima volta.. ma non perchè non piacciono a te allora tutti non li devono comprare! sono opinioni

    RispondiElimina
  10. prova a metterli vicino una fonte di calore, il mostacciolo più è freddo più è duro!!!!

    RispondiElimina
  11. Li hai tuffati nel latte/the/altro liquido bollente?

    Io ADORO i rococò napoletani, per esempio, ma se li mangio così come sono mi saltano le otturazioni da quanto sono duri!
    Intinti invece sono meravigliosi ^^

    ps. il tuo blog è finito dritto fra i miei preferiti, brava!

    RispondiElimina
  12. Sì li ho provati anche ad intingere...niente! :-)

    RispondiElimina
  13. a quanto mi sembra di capire il problema non è la commestibilità o meno dei mostaccioli ma la delicatissima composizione dei dentini dell'assaggiatore. sicuramente esisteranno in commercio dei biscotti molto piu gustosi ma non si può certamente denigrare e criticare un prodotto dolciario solo perchè non è di tuo gradimento e poi se vogliamo dirla tutta cosa ci sarebbe da dire sulla specialissima torta paradiso tipica del pavese? sembra una brioches del MULINO BIANCO ed i BACI di DAMA? xchè non usarli con la fionda x uccidere i faggiani???
    RIFLETTETE GENTE RIFLETTETE

    RispondiElimina
  14. i mustaccioli modicani (per l'appunto di MODICA -RG-) sono durissimi... son come le bombe... ma suon buonissimi... commestibili e goderecci. Se hai una buona dentatura mangi e godi, sennò mi spiace per te perchè rimani senza aver gustato questa dura bontà. AD OGNI PAESE LE SUE TRADIZIONI. I mustaccioli ad esempio in un paese vicinissimo a questo son morbidissimi e buonissimi, ma son diversi da quelli modicani... Magari quelli modicani son simili a quelli calabresi.... e pensare che sto cercando la ricetta di quelli duri come le bombe!

    RispondiElimina
  15. TUTTI I MOSTACCIOLI CALABRESI SONO DURI: SI TENGONO IN BOCCA E SI SQUAGLIANO UN Pò PER VOLTA.
    SONO FATTI DI IMPASTO CON FARINA MIELE E VINO COTTO.
    LA LORO FORMA RIPERCORRE QUELLE DEI DOLCI DELL'ANTICA GRECIA..
    UN TEMPO NON LONTANTO IL FIDANZATO LO PORTAVA IN DONO ALLA SUA MOROSA....
    ED ERANO A FORMA DI CUORE.
    CMQ NON VANNO BUTTATI PERCHè SONO DURI.....è CHE SONO PROPRIO COSì. CAPISCI?
    CARI SALUTI DA UNA CALABRESE. CIAOOOOOO

    RispondiElimina
  16. a me piacciono proprio perchè sono duri!odio quelli morbidi...e sono commestibilissimi.
    un saluto

    RispondiElimina
  17. cihiedevo come si mangiano perchè sono durissimi.Io li mangio immersi nel latte caldo per qualche minuto, sono un'po gommosi ma buonissimi .spero che ci sia qualche altra proposta

    RispondiElimina
  18. cara scrittrice e cari commentatori... perdono l'ignoranza per chi non lo sapesse... i mostaccioli si possono trovare di due qualità differenti... che sono appunto quelli più famosi e venduti a mio giudizio anche i migliori come gusto che hanno la classica consistenza dura (inteso non come sasso ma una durezza gommosa datagli dal miele) e quelli forse meno presenti che hanno la forma di biscotti allungati e tagliati dove si notano con chiarezza le mandorle e che hanno una consistenza più morbida per i palati più fragili creati apposta per chi come VOSSIGNORIA non se la sente a gustare questa bontà con un po più di grinta dentale!

    RispondiElimina
  19. Sono fatti così apposta; si sciolgono in bocca...non si devono spezzare o masticare! Io li trovo buonissimi e proprio ieri in palestra una signora del trentino, quando ha saputo che sono calabrese, mi ha pregato di portarle dei mostaccioli proprio di queli duri, e di trovarle la ricetta! Si sciolgono in bocca...è un biscotto da meditazione ;D

    RispondiElimina
  20. Innanzi tutto, se erano così duri é perché erano stati fatti con poco miele: la proporzione giusta sarebbe miele-farina in peso quasi uguale, ma ai commercianti non conviene metterci troppo miele. I mostaccioli buoni sono abbastanza morbidi (ma il piacere sta nel masticarli lentamente).
    In secondo luogo, Titti avrebbe potuto metterli nel latte la mattina, aspettando che si ammorbidissero: fatti di solo farina e miele, cosa c'è di più genuino??
    --- Scritto da un calabrese cle li AMA.---

    RispondiElimina
  21. mio marito adora i mostaccioli duri anche se e' siciliano .Li compravo sempre a Messina anche al mercato.Secondo me o li adori o li eviti.Cerchero' la ricetta per poterli cucinare a casa,visto che viviamo in toscans ormai e qui e' impossibile trovarli.


    RispondiElimina
  22. Allora i mastaccioli vanno fatti almeno 15 giorni prima di consumarli cosi hanno la consistenza giusta per poterli consumare con tranquillita'. Quando sono troppo duri si mettono in un cestino bucato per far passare l 'aria e si coprono con un canovaccio di l ino bagnato cosi' l umidita passa ai dolci e diventano piu morbidi.ma la loro caratteristica e la croccante duezza e'uno dei dolci piu antichi che ci sia viene fatto con tanto miele eugual peso di farina .risale all'antica grecia portato in calabria nelle colonie magnogreche. Una calabrese che le fa e li mangia con piacere.

    RispondiElimina